Numerosi piccoli knobs

Incuriosita da quanto mi ha detto Remy Maquignaz, guida di Cogne, ho fatto un giro in internet senza però trovare molto, questo è quanto ho scoperto.

Il termine knobs si potrebbe tradurre come fungo o pomello e sta ad indicare delle inclusioni o dei cristalli che per erosione “differenziale” fuoriescono dalla parete rocciosa perché, essendo più duri, sono meno erodibili della roccia che li ospita e in alpinismo permettono la progressione e a volte la protezione.

Essi sono tipici per esempio del granito del Gran Capucin, ma si trovano anche nella zona di Yosemite, in Canada e in tanti altri posti:

  • su una via in Yosemite sono numerosi ed enormi come funghi
  • nel granito della Val Masino sono feldspati, bianco-trasparenti con sezione longitudinale ad esagono
  • nelle rocce metamorfiche e intrusive possono essere composti da quarziti
  • sul calcare generalmente sono inclusioni di selce, colore rosso o nero con struttura vetrosa
  • nei conglomerati sono rappresentati da ciottoli di rocce più dure

Ogni roccia più o meno ha i propri knobs.

Sulla Nord del Monte Camicia, in Appennino, Catena orientale del Gran Sasso, si trovano delle palline marrone chiaro grandi o più meno come palline da ping pong; sembrano composte da un conglomerato sabbioso e contenere al loro interno un’altra struttura; la parete in certe zone è piena di queste sporgenze, oppure del vuoto lasciato dalla pallina che si è staccata.

I funghi di roccia che spesso servono da appoggio o appiglio sono di composizione mineralogica diversa a seconda della formazione rocciosa:

  • nella quarzodiorite e tonalite (Alpi dell'Adamello e della Presanella) si tratta prevalentemente di blocchetti simili a zollette di quarzo (che è di durezza 7 nella scala di Mohs)
  • nel granito può essere quarzo (bianco-grigio) o ortoclasio (rosa) durezza 6
  • negli scisti (metamorfici) si tratta di feldspati di due tipi: se chiari albite, se bianco-rosa vitreo anortite o anche altri (durezza 6-6.5)
  • i materiali più teneri tipo le miche (chiare = muscovite durezza 2; scure = biotite durezza 2.5/3) o a volte le cloriti o più raramente l'apatite vengono erosi dagli agenti atmosferici lasciando i knobs, zollette o noduli

Nel calcare e nelle marne (siltite) può capitare di trovare legno o carbon fossile, spesso si tratta di pezzi di tronco mineralizzati (calcite o aragonite) o pezzi di frutti per lo più limonitizzati (ossido di ferro idrato) di colore marrone scuro e quasi neri, ma questi corpi non hanno la stessa origine dei knobs.

2 Commenti

  1. Enrico Zed
    26 Settembre 2019

    Questa dei Knobs mi è nuova 🙂
    un argomento sicuramente da approfondire

    Grazie per l’articolo!

    Rispondi
    1. Trekkinella
      30 Settembre 2019

      Ciao Enrico 🙂
      Ha molto sorpreso anche a me e sono andata subito a cercare qualche informazione in più.
      Mi fa piacere che hai trovato l’articolo interessante.
      Grazie mille per il feedback 🙂

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *