Zaino per alpinismo

Premetto che prima di pensare ad una gita alpinistica bisogna essere coscienti dei rischi che si dovranno affrontare, in quanto la montagna oltre i 4000 metri offre panorami spettacolari, albe e tramonti mozzafiato, grandissime emozioni, ma anche tanti rischi e pericoli costanti; pertanto occorre preparare adeguatamente il nostro fisico ma anche e soprattutto la mente e allenarsi con impegno e costanza con la consapevolezza che, nonostante tutto, sarà poi soltanto la madonnina in punta che ci proteggerà e che ci consentirà di realizzare il nostro sogno.

Per i principianti è buona norma farsi accompagnare da persone esperte; io in particolare mi affido sempre alla professionalità di una guida alpina, la quale si assume anche l’onere di portare il grosso dell’attrezzatura.

Per le uscite alpinistiche lo zaino è più pesante perché, oltre a tutto quanto occorre per un’escursione, deve contenere anche l’attrezzatura necessaria che varia dall’alpinismo su ghiaccio, roccia o misto.

Di base servono sempre l’imbraco e la corda, cordini, moschettoni, fettucce e il casco ovunque ci sia il rischio di caduta sassi o il pericolo di battere la testa contro la roccia.
Se si parte la mattina molto presto o se si prevede di tornare di notte, serve la frontale con batterie cariche e/o di ricambio; è un consiglio questo che può sembrare banale ma io, a mie spese, ho imparato che è una cosa fondamentale perché ho dovuto salire per ben tre ore con una fioca lucina rossa… ero praticamente al buio…

Petzl Lampada frontale

Bella luminosa

Vedi prodotto

Servono dei buoni scarponi termici e impermeabili all’acqua e che abbiano un buon grip su neve e roccia; inoltre devono essere ramponabili o semi-ramponabili in modo da poter calzare i ramponi semplici o automatici indispensabili sui versanti ripidi di neve compatta e su ghiacciaio.

Grivel Ramponi

Per scarponi semi-ramponabili

Vedi prodotto

I bastoncini, che in genere servono per l’avvicinamento, devono essere telescopici o pieghevoli in modo da poterli mettere nello zaino quando, raggiunto il ghiacciaio o la roccia da scalare, devono essere sostituiti da una o due piccozze; queste, per non rischiare di perderle (assolutamente da evitare!!!), è bene averle assicurate all’imbraco con una fettuccia elastica.

Grivel Picozza Air Tech Evolution

Con fettuccia elastica per assicurarla all'imbraco

Vedi prodotto

E per ultimo, ma non per importanza, tengo sempre nello zaino una coperta isotermica per le emergenze. Ha due lati: uno per proteggere dal caldo e uno dal freddo. Infatti ad esempio in caso si rimanga bloccati in un crepaccio, la coperta consente di trattenere il calore corporeo ed evitare il congelamento. È un pacchettino leggero e che occupa pochissimo spazio nello zaino, ma che può essere davvero molto utile in caso di bisogno.

Coperta isotermica

Protegge dal freddo e dal caldo

Vedi prodotto

P.S. lasciare a casa l’ansia, l’orgoglio, la testardaggine e … le vertigini …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *