Zaino per escursionismo

Premetto che porto sempre lo zaino: dalla gita escursionistica facile all'uscita alpinistica dove bisogna portarsi di tutto e di più. Anche se vado sulla Chaligne, mi porto lo zaino, perché all'interno ho sempre i miei fondamentali. Faccio uscite abbastanza lunghe, in cui sto fuori a camminare anche una decina di ore, e con grandi dislivelli. Quindi anche solo l'abbigliamento per stare bene a tutte le altitudini, voglio portarmelo. Perciò, cosa mi porto nello zaino quando vado a fare escursionismo?

Sia d'estate che d'inverno, il berretto e i guanti per me non possono mai mancare, me li porto sempre; anche il fazzoletto è fondamentale perché ho sempre il naso che gocciola e poi la carta igienica è indispensabile! Importantissimi sono pure gli occhiali da sole, il burro cacao e la crema solare perché è necessario proteggersi dalle radiazioni soprattutto in alta quota.

Per l'abbigliamento la soluzione universale è quella ovviamente di vestirsi a strati. In base alla stagione, alle condizioni meteo, alla quota, mi vesto di conseguenza, nello zaino preferisco sempre avere uno strato di scorta e mi porto anche un cambio da lasciare in macchina.

Per quanto riguarda l’alimentazione, mi porto sempre un litro e mezzo di the, o tisana, o infuso, dolce e caldo, uso il termos d’inverno e d’estate una borsa frigo, efficace e leggera; per mangiare mi porto qualche cubetto di parmigiano, frutta secca, qualche pezzo di cioccolato, e metto tutto dentro a scatolette di plastica richiudibili per evitare di riempire le tasche dello zaino di nutella; inoltre, trovo molto importante e utile tenere una bottiglia di acqua in macchina.

Soprattutto quando vado in posti nuovi che non conosco, leggo relazioni e vedo immagini e poi mi porto sempre la cartina. Sarebbero utili e interessanti anche tutti gli strumenti che oggi ci offre la tecnologia come le app sul telefono, le radio, il GPS, … ma ho provato in passato ad usarli e non fanno molto per me. Alla fine, mi porto sempre un piccolo cartoncino e una matita (N.B. matita e non penna, perché si può star tranquilli che scriva ad ogni temperatura) per appuntarmi i tempi e i dislivelli.

Infine è bello avere con se la macchina fotografica, la GoPro, il cellulare, con tanto di batterie cariche e schede di memoria vuote, in modo da poter collezionare ricordi e condividere poi i paesaggi stupendi che mi capita di incontrare.

Questo è ciò uso per l'escursionismo d'estate:

Metto pantaloni lunghi, canotta e maglietta anche d'estate. Mi porto sempre un pile, caldo e leggero, e uno strato impermeabile (in caso di pioggia o vento). Se l'altitudine che raggiungerò è abbastanza alta, mi porto anche una felpa tecnica. Porto anche guanti, fascia (per proteggere le orecchie dal vento) e occhiali. Infine calzino leggero alto e scarponi. Metto sempre scarponi e mai scarpe più basse e leggere, perché mi trovo meglio.

LA SPORTIVA Trango S Evo

Scarponi semi-ramponabili

Vedi prodotto

Come macchina fotografica uso una compatta digitale Nikon, automatica, piccola e facile da usare.
Uso anche sempre i bastoncini estensibili. Ne ho di diversi tipi, che nel tempo ho acquistato e consumato. Se la gita è più facile, ne porto magari un paio più vecchio, di quelli con la punta un po' consumata. Mentre se la gita è più difficile, ne porto di più nuovi e affidabili, con la punta che faccia bene grip sulla roccia.

Kong Bastoncini da Trekking Trix Carbon

Telescopici e leggeri

Vedi prodotto

Per tutto uso sempre lo stesso zaino, che mi è stato regalato diversi anni fa e infatti si è scolorito per i raggi solari. È leggero, abbastanza compatto e può contenere tutto ciò che mi serve. Caratteristica interessante è che ha un doppio schienale con una rete, in modo da far traspirare bene la schiena. Inoltre ha gli spallacci abbastanza larghi da poterci attaccare comodamente la GoPro.

Deuter Futura PRO 42, Zaino Unisex, Taglia Unica

Ottimo schienale e molto versatile

Vedi prodotto

Questo invece è ciò che uso per l'escursionismo d'inverno:

Rispetto all'estate le differenze sono che i calzini sono più spessi e alti, posso aggiungere una felpa, i pantaloni sono invernali e se fa proprio freddo metto anche la calzamaglia. Se d’estate è sufficiente uno scarponcino più leggero e già più usato, d’inverno è meglio una calzatura più calda e impermeabile all’acqua. Inoltre mi porto anche sempre le ghette. Per la neve, a seconda delle condizioni della neve stessa, sono utili le ciaspole o i ramponi per salire eventuali pendii ripidi.

Dato che negli ultimi anni patisco molto il freddo alle mani, ho adottato questa soluzione: uso le muffole, così le dita stanno insieme, e metto anche uno scaldino all'interno. Diciamo che ormai non posso più farne a meno 😛

Montura Guanti invernali

Vedi prodotto

Thermopad Busta scaldamani

Durano tutto il giorno

Vedi prodotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *